Piazza Collobiano, 2/3 - 13856 Vigliano Biellese (BI)
info@fisiokinetiksport.it

Riabilitazione infortuni nel padel: come trattarli

Riabilitazione infortuni nel padel: come trattarli

Riabilitazione infortuni nel padel

Riabilitazione infortuni nel padel: i trattamenti più efficaci.

Visto il grande successo di questo sport, il tema della riabilitazione infortuni nel padel è diventato sempre più di attualità. Nell'articolo dedicato alla prevenzione dei traumi (puoi leggerlo cliccando qui), abbiamo visto quanto sia importante arrivare sul campo in buona forma fisica, fare riscaldamento prima del match e stretching una volta terminata la partita. Questo perché il padel è un'attività motoria che mette sotto forte stress le articolazioni a causa dei tanti e rapidi cambi di direzione e dell’intensa ripetizione dei gesti tecnici, come abbiamo visto nell'articolo sugli infortuni più frequenti in questo sport.

Come per il tennis, l'epicondilite, in gergo gomito del tennista, è l'infortunio più diffuso fra i praticanti del padel. Chi soffre di questa patologia lamenta dolori al gomito frequenti a causa di un’infiammazione degenerativa dei tendini degli estensori del polso e delle dita della mano, a livello dell'epicondilo omerale. Sempre a questo livello può insorgere un’epitrocleite, con infiammazione degenerativa dei tendini dei flessori del polso. In questi casi, per ridurre il dolore e facilitare la guarigione esistono terapie mirate, quali le onde d’urto e i trattamenti manuali manipolativi, mentre nel lungo periodo può essere utile un programma mirato per rinforzare la muscolatura degli arti superiori, una correzione, se necessaria, del gesto tecnico e una verifica dell'idoneità dell'attrezzatura utilizzata in campo.

Molto frequentemente poi, quando si parla di riabilitazione infortuni nel padel, ci si riferisce ai traumi della spalla e, in particolare, a lesioni della cuffia dei rotatori. In questi casi solitamente si fa ricorso a terapie strumentali per superare l’infiammazione primaria, attenuando o eliminando del tutto il dolore. Allo stesso tempo, si avvia un percorso di riattivazione e prevenzione a carico della muscolatura interessata, impiegando principalmente resistenze elastiche per stimolare nuovamente la funzionalità neuromuscolare. In seguito, si lavorerà su forza e resistenza, impiegando carichi naturali e sovraccarichi.

A livello del ginocchio, invece, lesioni da sovraccarico possono infiammare o provocare una degenerazione dei tendini rotuleo e del tensore della fascia lata, causando dolore e difficoltà di movimento. In questi casi, il trattamento mira a correggere alcuni fattori di rischio, come un’alterazione dell'asse della caviglia e del piede rispetto al ginocchio utilizzando plantari ortopedici. E’ inoltre indispensabile avviare un percorso di riabilitazione che si concentri sul potenziamento eccentrico del quadricipite femorale. Anche il lavoro sulla propriocezione (l'equilibrio su superfici instabili) è fondamentale per recuperare stabilità e controllo dell'arto inferiore. Per recuperare la forza resistente, invece, si ricorre ad esercizi di sovraccarico in modalità eccentrica, come pressa e leg extension, che vanno inseriti in un lavoro funzionale più ampio per imparare i gesti corretti da compiere mentre si gioca.

Inoltre, tra gli infortuni più comuni nel padel, non si può non parlare delle caviglie, ed in particolare delle distorsioni, le lesioni più frequenti che interessano l’articolazione tibiotarsica. In questo caso, un corretto programma riabilitativo deve basarsi sul recupero del tono-trofismo dei muscoli peronieri con esercizi in catena cinetica chiusa (iscocinetici e isometrici), affiancato da un recupero della propriocettività. Nel caso, invece, gli impatti con il terreno di gioco e i repentini cambi di direzione tipici del padel abbiano causato una lesione del tendine d'Achille, la prima cosa da fare è una terapia per recuperare dall'infiammazione e solo in seguito prevedere esercizi per rinforzare polpaccio e tibiale, per la mobilità della caviglia e per il controllo della distribuzione del carico.

Infine, c'è da affrontare l'ultimo dei malesseri più frequenti fra i giocatori di padel: la lombalgia. In questo caso, la riabilitazione si concentrerà sulla rieducazione della colonna vertebrale per correggere la postura sia in fase statica che in quella dinamica. Il percorso dovrà puntare a ristabilire un corretto bilanciamento muscolare, andando a recuperare la normale elasticità e lunghezza dei muscoli e la loro forza. Superata la fase di dolore acuto, solitamente trattata con terapie quali la tecarterapia e la manipolazione manuale; l’obiettivo è restituire sostegno alla muscolatura dell'addome e della colonna per permettergli di sopportare i carichi portati dai gesti tecnici. È inoltre fondamentale inserire un programma di mantenimento funzionale e posturale.

 


Hai subito un infortunio giocando a padel e vorresti recuperare al meglio, evitando nuovi traumi e recidive?

Contattaci senza impegno per avere maggiori informazioni sui nostri percorsi di riabilitazione a Biella: il nostro team di professionisti saprà accompagnarti in programma di recupero personalizzato, per ritrovare forma fisica e benessere!